You are currently browsing the tag archive for the ‘Maresciallo Rocca’ tag.

OBITUARY. La signora della fiction italiana scompare a 65 anni. Dagli inizi al cinema sino al “Maresciallo” di Gigi Proietti con ascolti superiori a Sanremo. Col costante pallino dell’innovazione, lanciò Ferilli e Placido. La sua classe intellettual-borghese? «Noiosa, meglio la gente in metro»

Non ci piove: quasi tutta la nostra fiction, troppo spesso bonaria e lessa, scompare nel confronto con i telefilm americani, ben più sperimentali, innovativi, appassionanti, sul fronte dello stile e della scrittura. Ris, per dirne una, non è che una pallida imitazione di Csi, e per cortesia non si parli solo di budget. Tuttavia la morte di Laura Toscano, genovese, 65 anni, giornalista, romanziera, sceneggiatrice per il cinema e soprattutto per la tv, lascia un vuoto forse incolmabile. Nel momento di massimo successo, quando Il maresciallo Rocca totalizzava 16 milioni di spettatori, più del festival di Sanremo, l’avevano ribattezzata “la signora incontrastata della fiction”.

La definizione non le piaceva. Provenendo dal cinema, che fosse il brillante Aragosta a colazione o il più rabbioso Pizza Connection, continuava a spiegare: «Scrivo film per la televisione». Ultimamente lavorava meno, per via della malattia, ma anche del clima che sentiva attorno a sé. «Mi sembra che tutto vada alla rovescia, bisognerebbe avere coraggio di cambiare, solo osando, dando una spallata, a costo di rinunciare ad alti ascolti, saremo in grado di realizzare prodotti innovativi», s’era lamentata in un’intervista. Probabilmente l’amarezza professionale si saldava a una riflessione, anche estetica, sullo stato della nostra fiction, ma nel frattempo lei aveva contribuito a lanciare interpreti come Sabrina Ferilli, Franco Castellano, Veronica Pivetti, Violante Placido.

Leggi il seguito di questo post »